Introduzione a: Hans Kayser, Paestum, i Nomoi dei tre templi greci di Paestum

Maria Franca Frola

Risultato della ricerca: Contributo in libroPrefazione / postfazione / breve introduzione

Abstract

[Ita:]L’opera qui in traduzione, Paestum, era stata pianificata in origine come capitolo 21 di Orphikon. Essa è anche l’ultima uscita durante la vita dell’autore e pubblicata a Heidelberg nel 1958. Nel tempio dorico Kayser vede l’incarnazione della dottrina pitagorica esoterica, la realizzazione in pietra dei suoni coi quali i canti inneggiavano alla divinità. I νóμοι, le leggi, i moduli, le norme costituenti le misure dei templi, più che melodie nel senso attuale del termine, erano sequenze brevi di poche note. L’architettura è musica irrigidita o, come dice Goethe, musica ammutolita. Disponendo di un qualunque strumento musicale si può provare ad ascoltare le sequenze dei tre templi, la Basilica, il tempio di Cerere e il tempio di Poseidone, affinchè poi un allenamento mirato conduca l’occhio a sentirne la melodia. L’introduzione all’opera fornisce i primi rudimenti di Armonica, per mettere in grado il lettore di comprendere il meccanismo alla base della indagine armonicale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Introduction to: Hans Kayser, Paestum, the Nomoi of the three Greek temples of Paestum
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteHans Kayser, Paestum, i Nomoi dei tre templi greci di Paestum
EditorMARIA FRANCA FROLA
Pagine11-17
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008

Keywords

  • Hans Kayser
  • Paestum

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Introduzione a: Hans Kayser, Paestum, i Nomoi dei tre templi greci di Paestum'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo