Integrazione fra prevenzione primaria e secondaria del tumore della cervice uterina: le prospettive dei medici e delle madri delle vaccinande nei risultati di uno studio multicentrico italiano

Maria Giovanna Ficarra, Silvio Capizzi, Giuseppe La Torre, E De Vito, A Firenze, P Gregorio, R Saulle, E Langiano, Maria Ferrara, Mr Gualano, N Romano, L Semyonov, B Unim, S Miccoli, B Bonato, G Turlà, A. Boccia

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaContributo a convegno

Abstract

[Ita:]OBIETTIVO: Obiettivo del presente lavoro è quello di valutare l’impatto del programma di screening per la prevenzione del tumore della cervice uterina(CCU) e della vaccinazione anti-HPV sulla popolazione femminile e sulla classe medica. METODI: In un Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale, le Unità di Ricerca delle Università di Roma “Sapienza”, Cassino, Ferrara, Palermo e Roma Cattolica hanno valutato attraverso un’indagine campionaria conoscenze, attitudini e comportamenti in materia di prevenzione primaria e secondaria del CCU. In tale lavoro vengono riportati i risultati relativi alle risposte dei medici e delle mamme delle vaccinande. RISULTATI: Il 91% dei medici partecipanti ritiene che le donne vadano vaccinate prima dell’inizio dei rapporti sessuali, e per l’88.6% prima della vaccinazione va approfondito il concetto della trasmissibilità dell’HPV per via sessuale. L’11.4% dei medici ha rilevato effetti collaterali del vaccino anti-HPV, tutti di natura lieve (da reazioni locali nel sito dell’inoculazione a lipotimia). Il 52.2% dei ginecologi rispondenti ha dichiarato di aver fatto parte di campagne di screening per la prevenzione del CCU, e fra questi il 61% dichiara che è stato alto o molto alto il grado di soddisfazione delle pazienti nei confronti del Programma di screening, che risulta per l’88.6% una metodica costo-efficace. In relazione ai media che possono essere utili per aumentare la percentuale di donne che si sottopongono a screening cervicale, il 61.4% dei medici ritiene importante internet e il 29.5% i social network. Prima di ricevere l’invito, era a conoscenza dell’esistenza di una vaccinazione anti-HPV il 67.2% delle mamme, il 96.9% e il 16.4% riconosce che le principali malattie legate all’infezione da HPV sono, rispettivamente, il CCU ed i condilomi genitali. La decisione di vaccinare la propria figlia è avvenuta prevalentemente dopo consultazione con il Medico di famiglia/Ginecologo (43%). L’80.5% dichiara che anche le donne vaccinate contro l’HPV dovrebbero fare il PAP test. Il 64.1% pensa che debbano essere vaccinate solo le femmine, e il 34.4% sia femmine che maschi. Conoscono il pap test il 90.6 % delle mamme delle vaccinande, mentre lo hanno effettuato almeno una volta il 94.5% di esse, con che sono rimaste soddisfatte degli aspetti comunicativi nell’88.3% dei casi. CONCLUSIONI: La lotta al tumore della cervice uterina deve avvalersi dell’integrazione fra la prevenzione primaria e secondaria, anche attraverso i nuovi media e i social network, che per raggiungere livelli ottimali di soddisfazione, necessitano di essere alimentati da informazioni corrette scientificamente ed efficaci dal punto di vista della comunicazione.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Integration between primary and secondary prevention of cervical cancer: the perspectives of doctors and mothers of vaccinates in the results of an Italian multicenter study
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)426-426
Numero di pagine1
RivistaIGIENE E SANITÀ PUBBLICA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011
EventoXII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica ROMA 12-15 ottobre 2011 LA SANITÀ PUBBLICA TRA GLOBALIZZAZIONE, NUOVE ESIGENZE DI SALUTE E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA: LA SFIDA DELL’INTEGRAZIONE - Roma
Durata: 12 ott 201115 ott 2011

Keywords

  • Prevenzione
  • Studio multicentrico
  • Tumore Cervice uterina

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Integrazione fra prevenzione primaria e secondaria del tumore della cervice uterina: le prospettive dei medici e delle madri delle vaccinande nei risultati di uno studio multicentrico italiano'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo