In/Out. Riflessioni critiche sulla fuoriuscita dell'arte dall'arte

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Dopo il periodo delle avanguardie, gli anni Settanta sono stati quelli in cui più si è discusso criticamente attorno al fare arte, allo statuto dell’arte, al ruolo che può avere in seno alla società. Mostre, convegni, dibattiti e critiche giornalistiche hanno accompagnato la realizzazione individuale di opere e ne sono state in qualche modo, non solo la chiave di lettura, ma addirittura il motore realizzativo. Gli artisti si sono interrogati, insieme ai critici, sulla necessità di operare in seno alla società e sulla possibilità di individuare un linguaggio adatto a tale compito. L’aspetto che caratterizza fortemente l’arte dopo il Minimalismo e che lo differenzia dalle avanguardie è che tale rapporto con il sociale è intrinsecamente legato all’indagine concettuale, a un’indagine quindi strettamente inerente l’arte. In tal senso nell’arte degli anni Settanta si realizza una dialettica del tutto nuova tra ‘interno’ ed ‘esterno’, tra dimensione autoriflessiva e apertura sulla realtà sociale. Il saggio si interroga su questo specifico aspetto esaminando alcuni eventi espositivi ed analizzando opere esemplari di artisti impegnati nel confronto con la realtà politica e sociale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] In / Out. Critical reflections on the escape of art from art
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteArte fuori dall'arte. Scontri e scambi tra arti visive e società negli anni Settanta
EditorC Casero, E Di Raddo, F Gallo
Pagine9-18
Numero di pagine10
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • arte ambientale
  • arte e società
  • artisti e impegno politico

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'In/Out. Riflessioni critiche sulla fuoriuscita dell'arte dall'arte'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo