Informazione e potere: chi custodisce i custodi?

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il contributo, nell'ambito delle riflessioni sviluppate nel corso del Convegno su "Narrazioni della giustizia; giustizia della narrazione", si concentra sul tormentato rapporto tra informazione e potere, segnalando come la funzione di controllo democratico, tradizionalmente attribuita ai mass-media, sia sempre più sostituita da una compartecipazione attiva alla conquista, al mantenimento e alla gestione del potere (politico, economico, sociale, ecc.). Il saggio si sofferma altresì sul ruolo dei "nuovi media" e analizza il caso più emblematico della c.d. "costruzione dal basso" dell'informazione, attraverso la descrizione della vicenda del sito WikiLeaks. La valutazione finale, tuttavia, è molto scettica sull'effettiva affidabilità e trasparenza di tali modalità di costruzione dell'opinione pubblica, in quanto sono caratterizzate non dalla assenza di interessi e dal venir meno dei filtri di selezione delle notizie da comunicare (frequentemente individuati come i vizi più gravi dell'informazione tradizionale), bensì dall'occultamento di tali delicatissimi elementi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Information and power: who guards the keepers?
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteGiustizia e letteratura.
EditorGABRIO FORTI, CLAUDIA MAZZUCATO, ARIANNA VISCONTI
Pagine645-666
Numero di pagine22
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • WikiLeaks
  • concentrazione del mercato dell'informazione
  • funzione dei media
  • giustizia
  • informazione

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Informazione e potere: chi custodisce i custodi?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo