In-fans? La costruzione scientifica dell'infanzia e la psicoanalisi

Maria Teresa Maiocchi

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]Il funzionamento dell’infantile nella teoria analitica è centrale: come sessualità infantile, amnesia infantile, desiderio infantile, oggetto infantile… E insieme esso sembra stare all’origine di un violento, troppo facile sommovimento nella concezione “moderna” e “scientifica” di infanzia. Ma ciò che è in atto è effettivamente una trasformazione nel senso dell’Arbeiten, del lavoro analitico? A chi pratica nelle scienze umane, nel loro versante “per bambini”, non sono ignote domande del tipo: come la nascita del sentimento familiare entra in gioco nell’idea “moderna” di bambino? In che modo nell’edipo si ridefinisce la “coppia” infante-adulto? Come l’impresa freudiana fornisce una calibrazione scientifica dell’oggetto-infanzia? La definizione di concetti come educazione, realtà, legame sociale fa ancora radicalmente questione nel progetto freudiano, al di là dei tentativi di inghiottimento delle scienze umane. Tentativi riusciti, come indica Lacan, che rendono necessario un “ritorno a Freud”, oggi. Si tratta qui di vedere se nel cambio ambiguo dell’infanzia possa o no essere rimossa la questione dell’efficacia della psicoanalisi nel toccare a un “reale” del soggetto. In gioco anche nel discorso scientifico? E’ in questa scommessa che il concetto freudiano di infanzia funziona come cerniera e insieme come punto cieco, interrogativo della metapsicologia freudiana.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] In-fans? The scientific construction of childhood and psychoanalysis
Lingua originaleItalian
EditoreFranco Angeli
Numero di pagine134
ISBN (stampa)9788820448318
Stato di pubblicazionePubblicato - 1985

Keywords

  • infanzia
  • psicoanalisi

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'In-fans? La costruzione scientifica dell'infanzia e la psicoanalisi'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo