Immagini e Immaginari di Antigone nel mito sofofocleo

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]L’articolo studia due scene dell’Edipo re e dell’Antigone di Sofocle, tragedie che sembrano aver avuto fortuna nel IV sec. a.C. ispirando anche rappresentazioni figurative su ceramiche d'uso quotidiano di destinazione funeraria in ambiente magno greco e siculo. I vv. 924-1068 nel terzo Episodio dell’Edipo Re di Sofocle vengono riletti alla luce delle immagini sul cratere a calice a figure rosse del Pittore di Capodarso (330 a.C. ca, Museo archeologico regionale Orsi di Siracusa Paolo, 66557), dove sono raffigurate due bambine vicine al vecchio servo di Corinto, Edipo e Giocasta. Si tratta chiaramente di Ismene e Antigone, il che sorprende per il fatto che nessuna didascalia dell’Edipo Re segnala in questa scena la presenza delle due piccole ed è segnale di come il testo continui a vivere attraverso una libera interpretazione anche nei secoli successivi. I cinque personaggi raffigurati in questa pittura fanno emergere una studiatissima tensione drammatica, tanto che la scena sembra essere il “fermo immagine” di una rappresentazione teatrale, a cui allude anche il fronte-scena raffigurato. I vv. 384-442 del Secondo Episodio sembrano ispirare una rappresentazione teatrale con una scena riprodotta esattamente sulla pittura di una Nestoris lucana a figure rosse (390-370 a.C., British Museum di Londra, F 175), anch’essa di destinazione funeraria.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Images and Imaginations of Antigone in the Sophocles myth
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteCompagni di Classici IV
Pagine193-202
Numero di pagine10
Volume2021 / vol. iV
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Antigone
  • Ismene

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Immagini e Immaginari di Antigone nel mito sofofocleo'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo