Illegittime iscrizioni a catena nel registro degli indagati e reato permanente

Giulio Ubertis

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Dopo aver individuato i fondamenti della previsione di termini per la durata delle indagini preliminari nella Costituzione e nel rispetto di obblighi internazionalistici, si illustra la questione relativa all’individuazione dei termini a quo e ad quem per il loro calcolo. Si è quindi riconosciuta l’illegittimità di iscrizioni a catena nel registro degli indagati, con particolare riguardo all’ipotesi in cui esse concernano un reato permanente.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Illegitimate chain entries in the register of suspects and a permanent crime
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)709-718
Numero di pagine10
RivistaL'INDICE PENALE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Azione penale
  • Diritto di difesa
  • Durata ragionevole del processo
  • Indagini preliminari
  • Preliminary investigations
  • Prosecution
  • Reasonable duration of trial
  • Right to defence

Cita questo