Il word superiority effect in bambini italiani con dislessia evolutiva

Daniela Traficante, Chiara Valeria Marinelli, Pierluigi Zoccolotti

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]I pochi studi che hanno esaminato l’effetto di superiorità della parola (WSE) o della pseudo-parola (PSE) nei bambini dislessici riportano risultati contrastanti e sono condotti su ortografie opache. 23 normolettori e 18 dislessici sono stati sottoposti al paradigma di Reicher e Wheleer, con parole (VISO), non parole (VESI) e stringhe (VRSN), per un totale di 190 stimoli. L’esperimento è stato somministrato con liste sia miste che bloccate. Inoltre gli stessi stimoli sono stati somministrati in un compito di ricerca visiva, in cui compariva prima la lettera target e successivamente lo stimolo all’interno del quale il soggetto doveva riconoscere la presenza della lettera. Nel compito di Reicher-Wheeler, i dislessici sono meno accurati dei normolettori, ed entrambi (ma soprattutto i dislessici) sono più accurati con le parole, rispetto alle non-parole e soprattutto alle stringhe. Nella condizione a lista mista entrambi i gruppi hanno un WSE rispetto alle stringhe ed un PSE, ma l’effetto è maggiore nei dislessici; mentre il WSE rispetto alle non parole è presente solo nei dislessici. Nell’esperimento a lista bloccata gli effetti sono invece paragonabili nei due gruppi: entrambi hanno un WSE rispetto alle stringhe ed un PSE, ma non evidenziano un WSE rispetto alle non parole. Nella ricerca visiva dislessici e normolettori sono meno accurati e hanno prestazioni paragonabili con tutte le tipologie di stimoli: entrambi presentano un WSE invertito (sia con stringhe che con non-parole), per cui è più difficile effettuare la ricerca visiva nella parola. Lo stesso non accade nel caso del PSE: identificare stimoli posti in una stringa pronunciabile (nonparola) non compromette la performance rispetto alle stringhe non pronunciabili.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The word superiority effect in Italian children with developmental dyslexia
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteXXII Congresso Nazionale AIRIPA I DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO 25-26 Ottobre 2013
Pagine138
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePubblicato - 2013
EventoXXII Congresso Nazionale AIRIPA I DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO - Pordenone
Durata: 25 ott 201326 ott 2013

Convegno

ConvegnoXXII Congresso Nazionale AIRIPA I DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO
CittàPordenone
Periodo25/10/1326/10/13

Keywords

  • componenti ortografiche
  • dislessia

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il word superiority effect in bambini italiani con dislessia evolutiva'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo