"Il tempo della comunicazione costituisce tempo di cura": l'approccio normativo nella Legge 219/2017

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Il contributo si sofferma sull’equazione tra il concetto di cura e quello di comunicazione posta dall’art. 1, co. 8, della l. n. 219/2017: norma, questa, che compendia in sé l’essenza dell’approccio terapeutico di tipo patient centred. La centralità della dimensione relazionale emerge, altresì, dall’art. 4, co. 1, della l. n. 219/2017, a norma del quale le disposizioni anticipate di trattamento possono essere espresse solo «dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche». Al di là di tale iniziale affermazione, però, questa disposizione non si sofferma sulle modalità di attuazione – per così dire – in concreto della componente dialogica del rapporto medico/paziente: nell’ambito della disciplina sulle modalità redazionali delle DAT (vd. art. 4, co. 6), infatti, il concetto di comunicazione non trova un riscontro adeguato. Il contributo si propone, quindi, di comprendere se e come nell’ambito della normativa sulle disposizioni anticipate di trattamento sia possibile ricomporre l’equazione tra cura e comunicazione, orientando la relazione tra medico e paziente verso una narrazione terapeutica.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "The time of communication constitutes treatment time": the regulatory approach in Law 219/2017
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)114-123
Numero di pagine10
RivistaGiurisprudenza penale
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Medicina narrativa
  • disposizioni anticipate di trattamento
  • rapporto medico/paziente

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di '"Il tempo della comunicazione costituisce tempo di cura": l'approccio normativo nella Legge 219/2017'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo