Il silenzio degli agnelli. Risparmiatori e obbligazioni bancarie in Italia

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Verifichiamo l’efficacia della tutela dei risparmiatori che acquistano obbligazioni bancarie non strutturate attraverso l’osservazione (in periodi caratterizzati da diversa regolamentazione) di un elementare indicatore di convenienza: lo spread dichiarato dalla banca emittente rispetto a un titolo di Stato di pari durata. I risultati sono sorprendenti: pur esponendo i risparmiatori a un rischio superiore, le obbligazioni bancarie hanno offerto un rendimento inferiore di 22 basis points. Tale anomalia era inizialmente assai più grave (66 basis points); dopo il varo dell’obbligo di prospetto lo spread – sempre negativo – subisce una prima erosione, fino a 40 basis points; il differenziale è più basso per le obbligazioni emesse dopo il recepimento della Direttiva MIFID (9 basis points), ma anche in tempi recenti continuano a sussistere zone d’ombra. Il cammino non è terminato, come dimostra la persistenza di spread negativi e l’ampliarsi del differenziale tra classi di banche, soprattutto con riferimento ad alcuni tipi di obbligazioni (segnatamente le step up). La morale non è nuova: migliori regole sono utili, il loro enforcement sarebbe ancor più utile.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The silence of the lambs. Savers and bank bonds in Italy
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)91-114
Numero di pagine24
RivistaMERCATO CONCORRENZA REGOLE
Volume13
Stato di pubblicazionePubblicato - 2011

Keywords

  • Direttiva Mifid
  • obbligazioni bancarie
  • tutela del risparmio

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il silenzio degli agnelli. Risparmiatori e obbligazioni bancarie in Italia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo