Il settore del vino: un pilastro del "made in Italy"

Marco Fortis, Luigi Consiglio

Risultato della ricerca: Working paper

Abstract

[Ita:]Il settore del vino e dei derivati dell’uva è una delle punte di diamante dell’industria alimentare italiana. Ma il raccolto nazionale del 2011 è stato probabilmente il peggiore degli ultimi cinquant’anni, poco sopra i 40 milioni di ettolitri. Ciò ha permesso a Francia e Spagna, tenuto conto delle prime stime dell’Organizzazione Internazionale Vini (OIV), di superare temporaneamente il nostro Paese quale primo produttore mondiale di vino. In particolare, secondo l’Osservatorio GEA-Fondazione Edison, l’Italia nel 2010 si è confermata non soltanto il primo esportatore mondiale di vini in bottiglia in quantità e il secondo in valore dopo la Francia, ma detiene molte altre posizioni rilevanti: è seconda in valore nei vini spumanti, prima nei vermut, nei mosti, nel vino alla rinfusa e nell’aceto.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The wine sector: a pillar of "made in Italy"
Lingua originaleItalian
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012

Keywords

  • France
  • Francia
  • Vino
  • Wine
  • export
  • sparkling wine
  • spumanti

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il settore del vino: un pilastro del "made in Italy"'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo