Il sentiero di Giuditta

Giovanni Ferrario

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Una sintetica monografia, dedicata alla Giuditta di Botticelli, accompagna l’edizione 2008 di “Un Capolavoro per Milano”, iniziativa promossa ogni anno dal Museo Diocesano della città, che vede giungere nel 2008 questa celebre opera rinascimentale. La Giuditta (il titolo completo è il Ritorno di Giuditta a Betulia) si data intorno al 1470, periodo in cui Botticelli elimina progressivamente il chiaroscuro, cercando la definizione delle figure attraverso un raffinato tratteggio dei panneggi: le figure appaiono come eleganti silhouette più che corpi tridimensionali, aprendo a quella svolta stilistica che caratterizzerà l’arte del maestro fiorentino nei suoi anni maturi. Botticelli propone una lettura fedele del testo biblico, scegliendo però uno schema compositivo del tutto nuovo e articolando la narrazione in due scene distinte nelle quali cambia tono e registro linguistico: il Ritorno di Giuditta a Betulia mostra colori chiari e toni luminosi ed è attraversato da un’aria leggera e quasi leziosa al contrario dei toni bui e drammatici della Scoperta del cadavere di Oloferne, anch’esso esposto per l’occasione. Il volume accoglie i testi di Giovanni Ferrario, Ernesto Borghi e Nadia Righi dedicati al capolavoro botticelliano, e apparati biobibliografici.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Giuditta's path
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteSandro Botticelli
Pagine10-15
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008
Pubblicato esternamenteYes

Keywords

  • Art critic
  • Critica d'arte

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il sentiero di Giuditta'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo