Abstract

[Ita:]Da anni il settore delle telecomunicazioni, con gli altri servizi di pubblica utilità, sta attraversando profondi mutamenti e, anche se molto è cambiato, l’assetto definitivo non è ancora stato raggiunto, anzi esistono tuttora posizioni contrastanti sui fattori che dovranno caratterizzare il settore al termine del processo. Nell’ultimo decennio la giustificazione economica e in particolare la compatibilità con i principi dell’ordinamento comunitario dei monopoli e dei diritti speciali che hanno caratterizzato l’organizzazione del settore dei servizi di pubblica utilità è sempre più stata messa in discussione e si è assistito ad una dialettica, talvolta aspra, tra i protagonisti di tale cambiamento. Da una parte abbiamo i titolari, o ex-titolari, dei diritti speciali o esclusivi e quanti in genere si oppongono all’estensione delle regole di mercato. Dall’altra vi sono i nuovi e i potenziali partecipanti al mercato e le autorità a tutela della concorrenza e di regolamentazione, che spingono verso l’applicazione di tali regole volte a consentire una reale e più veloce apertura dei mercati. Il settore delle telecomunicazioni (tlc) fornisce un interessante esempio di questa rivoluzione in atto. Quello che una volta era definito come il mercato stabile e non competitivo sia del servizio telefonico che dell’industria manifatturiera ad esso collegata è ora un settore sempre più concorrenziale. Questo processo, iniziato con la liberalizzazione del mercato dei terminali d’utente e, successivamente, dei servizi a valore aggiunto e della trasmissione dati, interessa oggi tutti i mercati. Decisivo e insostituibile in questa fase di liberalizzazione è stato il ruolo svolto dalle istituzioni comunitarie. Le politiche di liberalizzazione non hanno, però, sempre trovato un contesto di agevole applicazione a motivo delle resistenze alla piena apertura alla concorrenza di quei settori in cui tuttora esiste l’esigenza di garantire un insieme uniforme di prestazioni, a condizioni ragionevoli, a chiunque ne faccia domanda. Con difficoltà è passata l’idea che l’isolamento dal contesto concorrenziale non avrebbe fatto altro che ridurre gli incentivi all’innovazione e al miglioramento della qualità dei servizi offerti. Si è trattato pertanto di individuare delle soluzioni regolamentari per i settori nei quali permangono degli obblighi in termini di servizio pubblico. La liberalizzazione non ha implicato la completa abolizione del controllo pubblico, ma una sua trasformazione in termini di finalità che si propone, di soggetti che lo esercitano e di strumenti utilizzati.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The role of telecommunications
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLavorare in Lombardia. Mutamenti strutturali e nuovi obiettivi di sviluppo
EditorM. Canesi F. Chiaramonnte
Pagine131-159
Numero di pagine29
Stato di pubblicazionePubblicato - 2002

Keywords

  • Liberalizzazione
  • Regolamentazione
  • Telecomunicazioni

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il ruolo delle telecomunicazioni'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo