Il riconoscimento e la denominazione di espressioni emotive da parte di soggetti in età prescolastica

Maria Rita Ciceri, Luigi Anolli, Monica Durante, Erika Kuffersin

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Nello sviluppo della competenza emotiva assumono una funzione rilevante il riconoscimento delle espressioni emotive e la denominazione lessicale delle emozioni stesse. Al fine di verificare l’accuratezza di tale riconoscimento e lo sviluppo della semantica emotiva, si è proceduto a indagare presso un gruppo di 99 bambini in età prescolastica (3-5 anni) la capacità di comprendere e di denominare le espressioni sia di emozioni fondamentali (gioia, tristezza, collera, paura) sia di emozioni complesse (disprezzo, tenerezza) facendo ricorso a tre tipi di stimoli (script emotivo, figura intera isolata, volto stereotipato) esplorati attraverso domande aperte. Le risposte sono state classificate secondo tre livelli di accuratezza semantica: denominazione focale, generalizzata e metonimica. I dati pongono in evidenza non soltanto un incremento monotonico della semantica emotiva in funzione dell’età, ma anche della natura dello stimolo (lo script ottiene risultati superiori a quelli osservati con la figura intera e con il volto). Parimenti le espressioni della gioia, della collera e della tristezza sono quelle più riconosciute. Sono stati inoltre esaminati gli errori di denominazione lessicale e la matrice delle confusioni. I risultati sono stati interpretati secondo la
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The recognition and naming of emotional expressions by pre-school subjects
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)97-144
Numero di pagine48
RivistaPsicologia Clinica dello Sviluppo
Volume2007
Stato di pubblicazionePubblicato - 2007

Keywords

  • EMOZIONI
  • RICOSCIMENTO

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il riconoscimento e la denominazione di espressioni emotive da parte di soggetti in età prescolastica'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo