Il racconto inclusive della disabilità e dell'autismo: i casi delle serie TV Speechless e Atypical

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]L’articolo muove da una panoramica sulle criticità che storicamente hanno segnato il racconto audiovisivo della disabilità. Come mostrano report sull’industria cinetelevisiva e come sottolineano i Disability Studies, accanto ad una rappresentazione insufficiente della disabilità, c’è, quando l’argomento è affrontato, il diffuso scadimento nello stereotipo. A partire da questo dato generale, l’articolo considera la recente categoria critica dell’«inspiration porn». Coniata dagli attivisti dei diritti alla pari dignità, denuncia quei prodotti culturali in cui la persona con disabilità è riduttivamente ritratta al solo fine di suscitare i buoni sentimenti, l’auto-stima, la gratificazione del pubblico che non ha disabilità. Tuttavia, nell’offerta televisiva internazionale segnali di un’inversione di tendenza sono riscontrabili. L’articolo analizza due serie, Speechless e Atypical, che hanno provato a migliorare lo storytelling improntandolo al valore dell’inclusione. L’analisi, che incrocia un approccio etico di fondo con la prospettiva più tecnica della sceneggiatura, si concentra su due aspetti: come la storia rende conto del punto di vista della persona con disabilità, così da rivelare la complessità della sua esperienza personale; come la storia presenta l’inclusione come un obiettivo socialmente conseguibile e motivante. In sede di conclusioni, sulla scorta della differente qualità riscontrata nelle due serie, l’articolo suggerisce tre criteri generali per l’eticità del racconto sulla disabilità: il realismo referenziale, per una rappresentazione fedele al dato medico-terapeutico-sociale; il realismo ottativo, cioè una declinazione proattiva del dramma; il realismo antropo- logico, cioè l’attribuzione ad azioni e relazioni del loro significato oggettivo entro un disegno esaustivo di comple- tamento personale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The inclusive story of disability and autism: the cases of the TV series Speechless and Atypical
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)23-47
Numero di pagine25
RivistaMEDICINA E MORALE
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • TV series
  • autism
  • autismo
  • disability
  • disabilità
  • ethics of storytelling
  • etica della narrazione
  • narrative rhetoric
  • retorica narrativa
  • serialità televisiva

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il racconto inclusive della disabilità e dell'autismo: i casi delle serie TV Speechless e Atypical'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo