Il problema della disinformazione in rete: i limiti del diritto penale e le potenzialità del nuovo Codice rafforzato di buone pratiche dell’UE

Marta Lamanuzzi*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Altra tipologiaOther contribution

Abstract

[Ita:]Considerati i limiti del diritto penale nella prevenzione della disinformazione, il breve contributo si sofferma sulle potenzialità del nuovo Codice rafforzato di buone pratiche dell'UE nel contrasto di quelle che si potrebbero definire le "variabili usurpatrici" della rete, vale a dire quelle caratteristiche dell'architettura social-mediatica che favoriscono l'agire deviante e in particolare la propalazione di contenuti falsi od offensivi.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The problem of online disinformation: the limits of criminal law and the potential of the new enhanced EU code of good practice
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePubblicato - 2022

Keywords

  • Disinformazione

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il problema della disinformazione in rete: i limiti del diritto penale e le potenzialità del nuovo Codice rafforzato di buone pratiche dell’UE'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo