Il potere del g.a. di conoscere la fondatezza dell’istanza del cittadino

Alessandro Dario Cortesi

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il potere del giudice amministrativo di conoscere della fondatezza dell’istanza nel rito speciale sul silenzio-inadempimento, ai sensi del comma 5 dell’art. 2 della L. 7 agosto 1990 n. 241, introdotto dall’art. 6-bis della L. 14 maggio 2005 n. 80, incontra un limite al cospetto della discrezionalità amministrativa (fattispecie in tema di ripianificazione di una zona bianca). Il TAR Lombardia ritiene di non potersi sostituire all’amministrazione comunale nella scelta della destinazione urbanistica da impartire ad una zona bianca perché si tratta di un provvedimento connotato da discrezionalità cd. forte, di una scelta riservata al comune. Il commento approfondisce in chiave critica la distinzione fra provvedimento vincolato e provvedimento discrezionale, affronta il tema della separazione fra i Poteri e si propone di ricondurre l’ambito della riserva amministrativa alle sole scelte di contenuto politico.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The power of the g.a. to know the validity of the citizen's request
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)477-485
Numero di pagine9
RivistaURBANISTICA E APPALTI
Stato di pubblicazionePubblicato - 2006

Keywords

  • silenzio inadempimento
  • potere del giudice
  • discrezionalità amministrativa

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il potere del g.a. di conoscere la fondatezza dell’istanza del cittadino'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo