Il potere creativo della parola. Il dialogo pedagogico traduttivo tra Gianni Rodari e Jack Zipes in The Grammar of Fantasy per il pubblico americano

Claudia Alborghetti*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Nella ben nota Grammatica della fantasia (1973), Gianni Rodari ha saputo scavare a fondo per recuperare la struttura portante alla base del suo processo creativo, assegnando un valore primigenio alla parola come pietra fondante del dialogo tra scrittore e lettore bambino. In “Un sasso nello stagno”, prima strategia presentata nella Grammatica, Rodari mette al centro la similitudine tra gli eventi che porta con sé un sasso gettato in uno stagno e una parola “gettata nella mente a caso”. Nascono associazioni, ricordi, nuove vie creative che possono sfociare anche nella scrittura. Si tratta di dare la parola perché ciascun bambino possa trovare nel potenziale generativo di essa la strada per essere pienamente se stesso. La Grammatica ha avuto un buon successo anche tra il pubblico americano, grazie all’intuito e all’intraprendenza di uno dei maggiori accademici contemporanei: Jack Zipes. Nelle sue mani, il dialogo rodariano abbraccia la traduzione e la mediazione per il pubblico americano e in “The Stone in the Pond” il traduttore attiva un processo ricreativo del testo sorgente che accompagna la formazione pedagogica dei potenziali lettori attraverso una parziale riscrittura del testo rodariano. I giochi linguistici, le associazioni, le rime che compongono le strategie educative della Grammatica vengono riscritte e reinterpretate dal traduttore in The Grammar of Fantasy (1996) e rivelano un intento dialogante con le intenzioni dell’autore per aprirsi ad un ulteriore progetto educativo verso un pubblico diverso da quello originariamente immaginato da Rodari. Zipes dichiara nell’introduzione alla traduzione che tra gli elementi di riscrittura da lui adottati c’è l’amplificazione del testo rodariano, aggiungendo elementi chiarificatori del suo approccio critico e innovativo fortemente legato al dibattito pedagogico del tempo in Italia. Zipes vuole agganciare questo dibattito all’ambiente educativo americano e riesce, in traduzione, a far comunicare due contesti storico-pedagogici diversi nel tempo e nello spazio, ma che rivelano interessi comuni di innovazione all’approccio educativo nelle rispettive culture.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The creative power of the word. The pedagogical translation dialogue between Gianni Rodari and Jack Zipes in The Grammar of Fantasy for the American public
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteDare la parola: professionalità pedagogiche, educative e formative. A 100 anni dalla nascita di don Milani
Pagine327-332
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2024
Pubblicato esternamente
EventoSIPED Convegno Nazionale - Firenze
Durata: 15 giu 202317 giu 2023

Serie di pubblicazioni

NomeSOCIETÀ ITALIANA DI PEDAGOGIA

Convegno

ConvegnoSIPED Convegno Nazionale
CittàFirenze
Periodo15/6/2317/6/23

Keywords

  • Children's literature
  • Letteratura per l'infanzia
  • creativity
  • creatività
  • critica letteraria
  • literary criticism
  • mediation
  • mediazione
  • traduzione
  • translation

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il potere creativo della parola. Il dialogo pedagogico traduttivo tra Gianni Rodari e Jack Zipes in The Grammar of Fantasy per il pubblico americano'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo