Abstract

[Ita:]“In che misura la coscienza di sapersi limitato e mortale influenza le modalità stesse dell’abitare umano?”. Silvano Petrosino s’interroga sulle alternative morali e di scelta che l’uomo affronta quotidianamente di fronte alla complessa realtà del limite. Che lo si consideri una delimitazione in grado di determinare e dare confini all’io, una limitazione che l’alterità ci rivela non senza una dolorosa coloritura o, infine, una cessazione che non può prescindere dal mistero della morte, il limite avvolge e coinvolge l’uomo profondamente. La prospettiva, come ci ricorda il libro della Sapienza è bifronte: vivere il limite senza trasformare quest’esperienza in una giustificazione per compire il male, oppure allontanarsi dalla giustizia. La presenza stessa del giusto e del suo concreto operare, però, è una pietra d’inciampo per la giustificante pretesa logica del male per cui se tutto è nulla, anche il male è niente. La grande sfida per l’uomo, allora, diventa comprendere il limite come una condizione di vita, dalla potente forza creativa, e non come una obiezione nei suoi confronti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The limit. One condition. An objection
Lingua originaleItalian
EditoreCooperativa Achille Grandi
Numero di pagine62
ISBN (stampa)978-88-314-0410-5
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Antropologia
  • Limite

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il limite. Una condizione. Una obiezione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo