Il filo più sottile. L'industria della seta tra "alte fabbriche" e mercati oltremontani. Il caso di Bergamo e territorio (secoli XVIII-XIX)

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]Il volume si inserisce negli studi sulla filiera serica, un ambito tra i più emblematici della storia economica italiana tra età moderna e contemporanea. Bergamo e il suo territorio danno vita a insediamenti produttivi di grande rilevanza, con piccole e medie filande e grandi filatoi da seta che, guardando al modello tecnologico piemontese interpretato con maggior libertà, permettono la specializzazione del setificio orobico nei filati di qualità destinati in buona misura all'esportazione. Malgrado le turbolenze politiche ed economiche, tra Sette e Ottocento le “sete bergamasche” raggiungono un posizionamento elevato nel mercato internazionale, facendo leva su costanti investimenti in organizzazione e tecnologia da parte dei “negozianti in seta”, in parte di origine svizzera, insieme ai nobili e ad altri imprenditori locali. Il setificio bergamasco beneficia anche di elementi come la diffusa abilità delle donne e dei capomaestri nel delicato lavoro delle sete e il ruolo delle istituzioni nel tutelare le imprese e promuovere un’innovazione prudente, ma diffusa.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The thinnest thread. The silk industry between "high factories" and overseas markets. The case of Bergamo and its territory (18th-19th centuries)
Lingua originaleItalian
EditoreGiappichelli Editore
Numero di pagine239
ISBN (stampa)9788892130791
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • Bergamo (economic history)
  • Bergamo (storia economica)
  • Industria della seta (secoli XVIII-XIX)
  • Industria tessile (tecnologia)
  • Silk manufacture (18th-19th c.)
  • Textile industry (technology)

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il filo più sottile. L'industria della seta tra "alte fabbriche" e mercati oltremontani. Il caso di Bergamo e territorio (secoli XVIII-XIX)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo