Il dottore all’opera. Figure di medici e guaritori nel melodramma fra Sette e Novecento

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Sebbene il più delle volte irrigidita in un fisso stereotipo, la figura del medico compare con relativa frequenza nei libretti d’opera tra Sette e Novecento, con le seguenti caratteristiche generali. In primo luogo, la sua condizione sociale può dirsi medio-alta. Il tenore di vita che conduce mostra un’inequivocabile agiatezza e familiarità con le persone abbienti. A questa condizione agiata, tuttavia, non corrisponde il riconoscimento del pregio e del valore sociale della sua opera. Nel melodramma, anzi, la medicina è spesso percepita come un’arte da imbonitori. Il medico è incapace di compiere interventi terapeutici efficaci, il suo bagaglio dottrinale è una scienza sterile e inutile. Al tempo stesso, il medico è orgoglioso del suo vacuo sapere ed appare borioso, dogmatico ed esibizionista. Soltanto quando, a partire dall’Ottocento, i progressi della scienza medica si tradussero in una più esatta comprensione dei processi morbosi e nell’individuazione di terapie più efficaci, cominciano ad occhieggiare nei libretti d’opera figure di medici che si sottraggono a questa rigida modalità rappresentativa, evidenziando talora caratteri di competenza ed umanità.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The doctor at work. Figures of doctors and healers in melodrama between the eighteenth and twentieth centuries
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)749-772
Numero di pagine24
RivistaAEVUM
Volume93
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • medical profession, medical skills, medical reputation, opera
  • professione medica, reputazione medici, melodramma

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il dottore all’opera. Figure di medici e guaritori nel melodramma fra Sette e Novecento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo