Il diritto alla salute dei detenuti ai tempi del COVID-19: strumenti di tutela e possibili profili di violazione dell’art. 3 CEDU

Valeria Polimeni

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il propagarsi della pandemia da coronavirus negli istituti penitenziari ha evidenziato le fragilità del nostro sistema penitenziario e offerto l’occasione per riflettere sull’efficacia degli strumenti posti a tutela del diritto alla salute in carcere. Da più parti si è infatti segnalato un concreto rischio di violazioni dell’art. 3 CEDU – che pone il divieto assoluto di tortura, pene o trattamenti inumani o degradanti – e sono state avanzate strategie di prevenzione e contrasto del virus in carcere. In particolare, diverse Istituzioni europee e internazionali hanno suggerito il potenziamento delle misure alternative alla detenzione, a dimostrazione del ruolo preminente da attribuire alla salute e, così, alla funzione rieducativa della pena. Di tali esigenze, molto più del Governo – come dimostrato dai vari provvedimenti finalizzati a bloccare i contatti con il mondo esterno per evitare possibili contaminazioni e, da ultimo, dai decreti legge n. 28/2020 e n. 29/2020 –, sembra esserne consapevole la Magistratura di Sorveglianza, che – con le accese polemiche e critiche che ne sono scaturite –, in un’ottica preventiva, ha proceduto alla scarcerazione di oltre ottomila detenuti, poiché in condizioni di salute incompatibili con il regime detentivo e a concreto rischio di contagio da covid-19. Nell’acceso dibattito caratterizzato dall’alternativa tra chiusura o apertura del carcere quale migliore strategia di gestione dell’attuale emergenza sanitaria una risposta può ricavarsi dai valori fondamentali della nostra Costituzione e della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, secondo i quali è necessario garantire alla salute una tutela effettiva anche in carcere e alla pena il suo senso di umanità. Ciò è possibile solo abbandonando, nel giudizio di compatibilità tra condizioni di salute ed esigenze di sicurezza pubblica, automatismi legati al titolo di reato ed effettuando valutazioni alla luce delle circostanze concrete e del percorso rieducativo di ogni detenuto.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The right to health of detainees at the time of COVID-19: protection tools and possible violations of art. 3 ECHR
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)849-862
Numero di pagine14
RivistaRIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE E DEL DIRITTO IN CAMPO SANITARIO
Volume2020
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • carcere
  • coronavirus
  • diritto alla salute
  • divieto di tortura e trattamenti inumani e degradanti
  • prison
  • prohibition of torture and inhuman and degrading treatment
  • right to healt

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il diritto alla salute dei detenuti ai tempi del COVID-19: strumenti di tutela e possibili profili di violazione dell’art. 3 CEDU'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo