IL DIFFICILE 2009 DEL DANNO ESISTENZIALE, MA IL 2010 ANDRÀ SICURAMENTE PEGGIO

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]1. Le sentenze delle sezioni unite e l'esclusione del danno esistenziale. - 2.Le reazioni esistenzialiste: non è cambiato nulla. Il 2043 è sempre la norma da guardare ed in ogni caso il filtro dei diritti inviolabili costituzionalmente garantiti non può essere così severo. L'inevitabile approdo ad un sistema di sicurezza sociale. - 3. Segue: una diversa visione del principio di integrale riparazione del danno: non limitato alla salute e alla sofferenza ma esteso anche al non facere reddituale. - 4. Le insuperabili contraddizioni del pensiero esistenzialista: tra sicurezza sociale (per l'indistinta risarcibilità dei pregiudizi) e vera ed autentica responsabilità civile (per il risarcimento integrale con il quale vengono risarciti i pregiudizi) - 5. La "conta" delle sentenze: il danno esistenziale muore ma non si arrende. Il significato ideologico e non scientifico della opinione esistenzialista. - 6. Alcune conclusioni.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] THE DIFFICULT 2009 OF EXISTENTIAL DAMAGE, BUT 2010 WILL DEFINITELY WORSE
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)363-370
Numero di pagine8
RivistaLA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • danno non patrimoniale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'IL DIFFICILE 2009 DEL DANNO ESISTENZIALE, MA IL 2010 ANDRÀ SICURAMENTE PEGGIO'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo