Il dialogo tra letteratura e altri saperi nel "Bel Paese" di Antonio Stoppani

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il Bel Paese (1876), l’opera più nota dell’abate Antonio Stoppani (Lecco, 1824 - Milano, 1891), il miglior testo di divulgazione scientifica del tardo Ottocento e uno dei libri più letti del periodo, si propone di far conoscere agli italiani la conformazione fisica del paese, nella convinzione che la conoscenza geografica e geologica della propria terra sia elemento fondamentale per contribuire alla formazione della coscienza nazionale del neonato stato italiano. A questi scopi divulgativi e patriottici si affiancano la finalità morale e quella religiosa. Per portare a compimento un programma così ambizioso, che mira a formare nel modo più completo le giovani generazioni, Stoppani ricorre a una sapiente commistione di tradizione e novità e riesce a far cooperare scienza e letteratura. Egli è convinto infatti che le due culture, il sapere scientifico e quello umanistico, convergano verso un’unica verità.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The dialogue between literature and other knowledge in the "Bel Paese" of Antonio Stoppani
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)35-58
Numero di pagine24
RivistaRIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA
VolumeXXXIII
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Manzoni Alessandro
  • Stoppani Antonio
  • letteratura
  • politica
  • religione
  • scienza

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il dialogo tra letteratura e altri saperi nel "Bel Paese" di Antonio Stoppani'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo