Il dialogo tra le arti nell’opera letteraria di Girolamo Borsieri (1588-1629): i madrigali a Giovanni Ambrogio Figino

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Con la sua raccolta di ‘Scherzi’, edita a Milano in sei libri nel 1612, il poeta comasco Girolamo Borsieri offre un esempio della produzione madrigalesca italiana di inizio Seicento. Conformandosi al modello dell’epigramma classico, molte delle sue liriche trattano soggetti artistici, ad esempio il tema del ritratto. Borsieri del resto era allora, secondo il giudizio degli storici, il maggiore intenditore di pittura lombarda, e alla sua penna si devono preziosi riferimenti all’arte coeva. Tra questi i madrigali sulla ritrattistica di Giovanni Ambrogio Figino, al quale avevano indirizzato rime numerosi poeti in area padana, come Giovan Battista Marino, corrispondente di Borsieri.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The dialogue between the arts in the literary work of Girolamo Borsieri (1588-1629): the madrigals to Giovanni Ambrogio Figino
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa letteratura italiana e le arti. Atti del XX Congresso dell’ADI-Associazione degli Italianisti (Napoli, 7-10 settembre 2016)
EditorV. Caputo, M. De Blasi, G. A. Liberti, P. Palomba, V. Panarella, A. Stabile L. Battistini
Pagine1-13
Numero di pagine13
Stato di pubblicazionePubblicato - 2018

Keywords

  • Barocco
  • Giovanni Ambrogio Figino
  • Girolamo Borsieri
  • Madrigale
  • Ritrattistica

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il dialogo tra le arti nell’opera letteraria di Girolamo Borsieri (1588-1629): i madrigali a Giovanni Ambrogio Figino'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo