Abstract

[Ita:]Il volume offre un itinerario riflessivo, per incamminarsi in uno degli snodi fondamentali dell’esistenza: quello del desiderio. Il desiderio, infatti, è un dispositivo-chiave del vivere umano e del pensiero pedagogico. L’uomo da sempre s’interroga sul proprio destino, attraverso il desiderare. La pedagogia stessa s’interroga su cosa muova l’uomo verso il suo compimento. Desiderare significa rinnovare il gusto del vivere, a partire da un coraggioso fare i conti con il vuoto e con la sensazione di rottura che la storia attuale (la pandemia in particolare) ha generato rispetto alla nostra vita precedente. Si sente forte il bisogno, ai nostri giorni, di rinnovare la promessa di un domani, specialmente per le nuove generazioni che si affacciano alla vita. L’educazione è chiamata a non nascondere la fragilità, il limite, la finitezza: è proprio passando per questa via che diventa possibile restituire spessore formativo al desiderare, in risposta ad una vita che si dispiega come trasformazione, rottura di equilibri, esposizione al rischio.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The desire that educates
Lingua originaleItalian
EditoreScholè
Numero di pagine166
ISBN (stampa)978-88-284-0329-6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • desire
  • project
  • fragility
  • futuro
  • desiderio
  • progetto
  • fragilità
  • future

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il desiderio che educa'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo