Il delitto di falso in attestazioni e relazioni (art. 236 bis l. fall.), tra incerte formulazioni legislative e difficili soluzioni esegetiche.

Francesco D'Alessandro, 27270, DI ECONOMIA FACOLTA', MILANO - Dipartimento di Diritto privato e pubblico dell'economia, DI ECONOMIA FACOLTA'

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il saggio analizza la fattispecie prevista all'art. 236 bis L. Fall., in tema di falsità commesse dal professionista chiamato ad attestare la veridicità dei dati aziendali e la fattibilità dei piani di risanamento, in situazioni di crisi dell'impresa. La norma, formulata dal legislatore in termini estremamente stringati, pone peculiari problemi all'interprete, tutti oggetto di analisi da parte dell'Autore.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The crime of forgery in claims and reports (art. 236 bis of the bankruptcy law), between uncertain legislative formulations and difficult exegetical solutions.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteCeisi dell'impresa, procedure concorsuali e diritto penale dell'insolvenza.
EditorRICCARDO BORSARI
Pagine533-558
Numero di pagine26
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • 236 bis l. fall.
  • diritto penale fallimentare
  • falso dell'attestatore
  • soluzioni concordate alla crisi d'impresa

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il delitto di falso in attestazioni e relazioni (art. 236 bis l. fall.), tra incerte formulazioni legislative e difficili soluzioni esegetiche.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo