Il conubium nella politica romana di integrazione

Alfredo Valvo

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

Since early time of Rome, conubium was the true basis of ius gentium, reports Livy frequently in the first book of his Historiae. Conubium was acknowledged to Latins but explicitly forbidden for people of no patrician origin, in the Corpus of laws of Twelve Tables. Few years after tribune L. Canuleius obtained the conubium for the plebeians. Emperor Claudius (41-54 AD) employed conubium and civitas as praemia militiae at the end of military service, sometimes of forty years and more. His claim was to encourage the veterans of auxilia to remain - with wives and children - along the eastern frontier of the empire.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The conubium in Roman integration policy
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteMatrimoni misti: una via per l'integrazione tra i popoli - Mixed Marriages: a way to integration among peoples
Pagine121-126
Numero di pagine6
Stato di pubblicazionePubblicato - 2012
EventoMatrimoni misti: una via per l'integrazione tra i popoli - Verona, Trento
Durata: 1 dic 20112 dic 2011

Serie di pubblicazioni

NomeAlteritas

Convegno

ConvegnoMatrimoni misti: una via per l'integrazione tra i popoli
CittàVerona, Trento
Periodo1/12/112/12/11

Keywords

  • matrimoni misti
  • mixed marriages

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il conubium nella politica romana di integrazione'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo