Il Committee of Imperial Defence britannico e gli oneri della sicurezza comune (1902-1914)

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]L'istituzione del Committee of Imperial Defence (1902) rappresenta il tentativo più concreto di discostarsi dalla linea di condotta "adhocratica" sino allora seguita da Londra nel campo della politica di sicurezza. Il CID avrebbe dovuto migliorare il coordinamento fra Esercito e Marina, e fra Forze Armate e autorità civili, affiancando al proprio interno i vertici politici e militari delle diverse branche di servizio. Contemporaneamente, esso avrebbe dovuto trovare una soluzione al problema della difesa imperiale, favorendo e potenziando l'azione di intelligence e di studio e individuando un punto di equilibrio fra le esigenze della madrepatria e quelle dell'India, le cui rispettive autorità erano costantemente impegnate in un faticoso tiro alla fune per la ripartizione delle risorse militari. Il Comitato avrebbe dovuto quindi agire come un nuovo centro di pianificazione strategica, capace di elaborare -– insieme all'Ammiragliato e al costituendo Stato Maggiore dell’esercito -– un modello condiviso per affrontare quelle che erano percepite come le crescenti minacce alla sicurezza nazionale britannica e garantire una ripartizione efficiente di uomini, mezzi e capitali. L'azione del CID finì tuttavia con il risentire di una serie di difficoltà, in parte legate alla diffidenza della cultura politica britannica per le questioni di pianificazione strategica, in parte prodotto del "declino relativo" della potenza nazionale e dei fattori economici e commerciali che di questo declino erano –- allo stesso tempo –- causa ed effetto. Le conseguenze di tale stato di cose furono durature. La nascita del CID e le trasformazioni sperimentate dalle Forze Armate britanniche durante i primi anni del Novecento significarono l'abbandono della tradizione strategia che faceva della difesa dell'India il perno della sicurezza imperiale, e il passaggio a quello che sarebbe stato sinteticamente identificato come il continental commitment. Più in generale, il CID, insieme con gli altri organismi delineati dalla commissione Esher, ha finito per rappresentare il cavallo di Troia che ha condotto, negli anni precedenti lo scoppio della prima guerra mondiale, all'abbandono (o, quantomeno, a un pesante riorientamento) della dimensione "navalista" e "asiatica" della politica di sicurezza di Londra.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The British Committee of Imperial Defense and the charges of common security (1902-1914)
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteStoria economica della guerra
Pagine443-456
Numero di pagine14
VolumeQuaderno [SISM] 2007-2008
Stato di pubblicazionePubblicato - 2008
EventoStoria economica della guerra, Convegno [annuale] della Società Italiana di Storia Militare - Varallo [Sesia]
Durata: 21 set 200722 set 2007

Serie di pubblicazioni

NomeQuaderni [della Società Italiana di Storia Militare]

Convegno

ConvegnoStoria economica della guerra, Convegno [annuale] della Società Italiana di Storia Militare
CittàVarallo [Sesia]
Periodo21/9/0722/9/07

Keywords

  • British India
  • British empire
  • Committe of Imperial Defence
  • Continental commitment
  • Foreign and security policy of the British empire
  • Foreing policy of the British empire
  • Impero britannico
  • India britannica
  • International relations of the Great Britain
  • Politica estera dell'Impero britannico
  • Politica estera e di sicurezza dell'Impero britannico
  • Relazioni internazionali della Gran Bretagna

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il Committee of Imperial Defence britannico e gli oneri della sicurezza comune (1902-1914)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo