Il cinema e la percezione dei nuovi fermenti giovanili nell'oratorio italiano degli anni Cinquanta

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La storiografia ha ormai ampiamente documentato come il Sessantotto italiano fu anche l’esito, seppur per via indiretta, delle trasformazioni culturali e formative che, nel corso del XX secolo, portarono il mondo giovanile a diventare un soggetto sociale ed esistenziale distinto e consapevole di sé. In tale processo, il cinema degli anni Cinquanta giocò un ruolo decisivo, in quanto consentì ai giovani di iniziare a rispecchiarsi in modelli di comportamento anticonformisti, che erano guardati con molto sospetto dagli adulti, dall'opinione pubblica e dalle agenzie educative. Tra queste ultime, anche gli oratori, che dal primo Novecento si servivano del cinema come strumento di ricreazione e di formazione, dovettero confrontarsi con l’inedita immagine di giovane che il mercato cinematografico veicolava e, quindi, interrogarsi sugli effetti che essa avrebbe potuto generare sui percorsi dell’educazione popolare cattolica e, più in generale, sulla disponibilità delle nuove generazioni ad aderire ai valori della morale tradizionale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Cinema and the perception of new youth ferments in the Italian oratory of the 1950s
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteAutorità in crisi. Scuola, famiglia, società prima e dopo il '68
Pagine163-170
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Anni Cinquanta
  • Cinema
  • Educazione popolare cattolica
  • Storia dei giovani

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il cinema e la percezione dei nuovi fermenti giovanili nell'oratorio italiano degli anni Cinquanta'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo