Il cavaliere presbite. Bufalino il Meschino?

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il presente contributo intende riflettere intorno alla nozione di identità che si delinea nell’opera di Gesualdo Bufalino, a partire dalla sua rivisitazione del "Guerrin Meschino" (1991 e 1993). In particolare, si cercherà di dimostrare che una sovrapposizione troppo automatica tra l’autore, il vecchio puparo e il paladino-marionetta rischia di inchiodare Bufalino a un’appartenenza antropologica fin troppo deterministica. L’antologista delle "Cento Sicilie" è infatti consapevole di quanto ogni identità sia frutto di fattori molteplici, ben al di là del dato biografico. Nella sua produzione, la ricerca della radici risulta in buona parte un’invenzione delle radici, dal momento che la memoria agisce in maniera selettiva e d’altro canto si apre alle invenzioni del sogno, della fantasia e del “riessere” intertestuale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The presbyopic knight. Bufalino the Meschino?
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)112-122
Numero di pagine11
RivistaDIACRITICA
VolumeVII
Stato di pubblicazionePubblicato - 2021

Keywords

  • Antropologia
  • Bufalino
  • Guerrin Meschino
  • Identità
  • Roots
  • Radici
  • Anthropology
  • Identity
  • Memory
  • Memoria

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il cavaliere presbite. Bufalino il Meschino?'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo