Il carteggio inedito Mussafia-Novati (1886-1902) tra erudizione e filologia

Davide Colombo*

*Autore corrispondente per questo lavoro

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Tra la seconda metà dell’Ottocento e il primo Novecento, Adolfo Mussafia fu una fondamentale figura ponte fra la nuova Wissenschaft tedesca e il mondo culturale e accademico italiano. Su queste basi il presente contributo per la prima volta pubblica e contestualizza sia le dieci lettere e tre cartoline inviate dal romanista spalatino a Francesco Novati (Milano, Biblioteca nazionale Braidense, carteggio Novati; Milano, Biblioteca della Società Storica Lombarda, fondo Novati), sia le risposte (nove lettere e una cartolina) del cofondatore del «Giornale storico della letteratura italiana» (Firenze, Biblioteca Umanistica dell’Università degli Studi, fondo Mussafia). L’analisi del carteggio inedito permette da una parte di aggiungere ulteriori (a volte sorprendenti) tasselli alla biografia e all’attività scientifica dei due studiosi, dall’altra di lumeggiare aspetti della vita politica e intellettuale europea a cavallo dei due secoli.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The unpublished correspondence Mussafia-Novati (1886-1902) between erudition and philology
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)499-550
Numero di pagine52
RivistaGiornale Storico della Letteratura Italiana
VolumeCXL
Stato di pubblicazionePubblicato - 2023

Keywords

  • Adolfo Mussafia, Francesco Novati

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'Il carteggio inedito Mussafia-Novati (1886-1902) tra erudizione e filologia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo