Abstract

[Ita:]La dir. 128/2009/EC sull’utilizzo sostenibile dei pesticidi ha reso obbligatorio per gli Stati Membri Ue l’impiego di prodotti fitosanitari complementari e/o alternativi ai prodotti chimici di sintesi. Si possono identificare tre principali tipologie di prodotti naturali: i microrganismi (o BCA, dall’inglese BioControl Agent, anche detti microbial) che, attraverso vari meccanismi, interagiscono e contrastano i patogeni; i botanical (estratti dai vegetali) e altre sostanze di origine minerale che esplicano un’azione diretta sui patogeni; gli induttori di resistenza di varia natura che, attraverso meccanismi diversi, stimolano le difese della pianta. Il termine biocontrollo dovrebbe essere usato limitatamente ai prodotti a base di microrganismi vivi, quali lieviti, funghi e batteri in grado di ridurre lo sviluppo di specifici patogeni tramite competizione, antibiosi, e/o parassitismo. Il termine “bio”, infatti, viene dal greco “che vive”.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The biocontrol of Botrytis cinerea
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)32-36
Numero di pagine5
RivistaTerra e Vita
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019

Keywords

  • BCA
  • Botrytis cinerea
  • biocontrollo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Il biocontrollo di Botrytis cinerea'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo