I volti della patria

Margherita Codurelli

Risultato della ricerca: Contributo in libroPrefazione / postfazione / breve introduzione

Abstract

[Ita:]C'è un aspetto della prosa di Katja Fusek che affascina sin dalle pagine iniziali, prima ancora di afferrare la trama e familiarizzare con personaggi e contenuto; è la capacità della lingua di combinare un'immediatezza espressiva con tratti elusivi ed enigmatici, destinati a rimanere senza risposta o, in altrettanti casi, ad acquistare un significato solo con il procedere della lettura. Questo contrasto è reso da Katja Fusek nel romanzo d'esordio "Fili di Novembre", uscito nel 2002 per Janus Verlag, tramite la messa a punto di un'insolita tecnica narrativa, caratterizzata dalla continua alternanza di monologhi e momenti in terza persona, un avvicendarsi di più voci e prospettive che, se da un lato ci rendono partecipi, con una crescente apertura nel corso del romanzo, delle sensazioni vissute dalla giovane protagonista Zita, simili, per citare le sue parole, ad "animali inselvatichiti e a briglie sciolte", dall'altro sottolineano l'estraneità ai due mondi tra cui Zita si trova ad oscillare. Questa duplice realtà è incarnata da due città, Praga e Basilea, in cui si condensano rispettivamente passato e presente, ricordi d'infanzia e aspirazioni future.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The faces of the homeland
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIn bilico tra due lingue. Traduzione critica del romanzo "Fili di Novembre" di Katja Fusek
EditorMargherita Codurelli
Pagine7-18
Numero di pagine12
Stato di pubblicazionePubblicato - 2019
Pubblicato esternamente

Keywords

  • Fili di Novembre
  • Katja Fusek
  • Novemberfäden
  • lingua
  • patria

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'I volti della patria'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo