I Visconti di Modrone. Nobiltà e modernità a Milano (secoli XIX-XX)

Gianpiero Fumi (Editor), 27428 (Editor), DI ECONOMIA FACOLTA' (Editor), della società e di scienze del territorio 'Mario Romani' MILANO - Dipartimento di storia dell'economia (Editor), DI ECONOMIA FACOLTA' (Editor)

Risultato della ricerca: LibroOther report

Abstract

[Ita:]Tra le antiche famiglie di Milano, i Visconti di Modrone sono probabilmente il casato che con maggior convinzione e successo ha saputo interpretare le esigenze di rinnovamento del patriziato e la sua volontà di rimanere classe dirigente anche nell’età delle rivoluzioni. Partendo dalla vasta documentazione conservata nell’archivio della famiglia, gli studi raccolti nel volume illuminano tempi e forme della partecipazione delle élites nobiliari alla modernizzazione dell’economia e della società lombarda, in un protagonismo che ne compensava la riduzione del potere sul piano politico. L’analisi dei comportamenti e delle scelte dei Visconti di Modrone mette in luce la diversificazione degli investimenti, l’apertura all’industria e alla finanza e lo svolgimento di ruoli imprenditoriali senza trascurare la gestione attiva del vasto patrimonio fondiario e immobiliare, insieme alle più tradizionali strategie per la conservazione del casato al momento delle alleanze matrimoniali e delle successioni ereditarie. Ciò consentì ai duchi e ai loro consanguinei di giungere tra Otto e Novecento ai vertici della ricchezza privata milanese e di acquisire una crescente visibilità pubblica, legittimata anche dall’assunzione di nuovi ruoli e responsabilità sociali.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The Viscounts of Modrone. Nobility and modernity in Milan (19th-20th centuries)
Lingua originaleItalian
EditoreVita e Pensiero
ISBN (stampa)978-88-343-2643-5
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Serie di pubblicazioni

NomeRicerche. Storia

Keywords

  • Aristocracy
  • Milan
  • Milano
  • Nobiltà

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'I Visconti di Modrone. Nobiltà e modernità a Milano (secoli XIX-XX)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo