I ruoli psicologici della voce nel colloquio

Maria Rita Ciceri, Luigi Maria Anolli

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La voce costituisce lo strumento caratterizzante e privilegiato a cui i due interlocutori affidano il proprio manifestarsi/dirsi e che presiede la regolazione e la strutturazione dell'interazione stessa. In particolare, la voce, per quanto concerne la gestione psicologica di un colloquio, rappresenta uno strumento di lavoro specifico in quanto lo pone nella condizione di osservare le reazioni e gli stili comunicativi dell’intervistato e di comunicare con lui. Questa centralità dell'aspetto vocale si deve innanzitutto alla straordinaria efficienza consentita dal canale vocale. Infatti, esso si differenzia dal punto di vista funzionale rispetto ad altri canali, perché la produzione di suono richiede una quantità assai ridotta di energia fisica e lascia la maggior parte del corpo libera di compiere, contemporaneamente, altre attività. Parimenti, il canale vocale-uditivo consente la trasmissione e la ricezione a distanza ed è caratterizzato da rapida evanescenza. Infatti, il messaggio vocale svanisce rapidamente, lasciando gli interlocutori liberi di ricevere e di trasmettere nuovi messaggi. A diversità di altre modalità sensoriali, il canale vocale-uditivo è qualificato dalla peculiarità di consentire un feedback completo: il locutore, infatti, ode tutto quello che può essere pertinente o ridondante in quello che egli stesso dice. Il prodotto dell'atto vocale è quindi altamente specializzato, poiché, nonostante l'energia impiegata sia minima, consente un processo di emissione e di ricezione del messaggio assai sofisticato e articolato, nonché la produzione di effetti sull'interlocutore molto forti ed efficaci, a volte dirompenti. Mediante la voce è possibile nel medesimo atto denotare un significato e insieme segnalare la propria partecipazione emotiva e il proprio grado di interesse nei suoi riguardi. Nell’ambito della comunicazione vocale abbiamo sempre a che fare con due ordini di atti che, sebbene inseparabili tra loro, possono essere distinti attraverso un processo di analisi e di astrazione: l'attività vocale linguistica (o verbale) e l'attività vocale non-verbale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The psychological roles of the voice in the interview
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePsicologia del colloquio
EditorASSUNTO QUADRIO
Pagine45-84
Numero di pagine40
Stato di pubblicazionePubblicato - 1997

Keywords

  • colloquio
  • voce

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'I ruoli psicologici della voce nel colloquio'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo