I rapporti tra la Carta e le fonti secondarie di diritto dell’UE nella giurisprudenza della Corte di giustizia

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]1. Introduzione. – 2. La Carta come strumento vincolante: la sua centralità come parametro di riferimento nelle sentenze rese in via pregiudiziale. – 3. La Carta come parametro di legittimità di atti dell’UE. – 4. L’art. 6.1 TUE nelle pronunce su questioni pregiudiziali di validità. – 5. La Carta come parametro obbligatorio di interpretazione di atti dell’UE. – 6. La (discutibile) rilevanza dei richiami alla Carta nei preamboli degli atti da interpretare. – 7. L’uso del criterio ermeneutico del principio di conservazione degli atti dell’UE. – 8. Conclusioni: interpretazione conforme alla Carta e ruolo dei giudici degli Stati membri.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The relationship between the Charter and secondary sources of EU law in the case law of the Court of Justice
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)259-278
Numero di pagine20
RivistaDIRITTI UMANI E DIRITTO INTERNAZIONALE
Volume2015
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Art. 267 TFEU
  • Art. 267 TFUE
  • Carta dei diritti fondamentali
  • Charter of Fundamental Rights
  • Corte di Giustizia
  • Court of Justice
  • Diritto UE
  • Diritto dell'Unione europea
  • EU Charter
  • Interpretation
  • Interpretazione
  • Invalidità degli atti dell'UE
  • Preliminary Ruling
  • Rinvio pregiudiziale
  • Trattati dell'Unione europea
  • diritti dell'uomo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'I rapporti tra la Carta e le fonti secondarie di diritto dell’UE nella giurisprudenza della Corte di giustizia'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo