I rapporti interni tra debitore ed ausiliario ex art. 1228: una opportuna messa a punto (con molte luci e qualche ombra)

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]La Cassazione prende posizione sulla rivalsa della struttura sanitaria nei riguardi del medico autore dell’intervento dannoso, per i casi non coperti dalla legge Gelli-Bianco. Per tali ipotesi conclude che la struttura sanitaria possa di regola recuperare solo una quota dell’esborso, mediante un’applicazione analogica dell’art. 2055 c.c. e non tutta la somma pagata a titolo risarcitorio. Tale esito deve essere giudicato con favore, poiché opera una chiara distinzione tra la responsabilità del debitore per fatto dell’ausiliario ex art. 1228 c.c., che è responsabilità per fatto proprio del debitore (la struttura) e responsabilità per fatto altrui del preponente di cui all’art. 2049 c.c., ove invece si può più agevolmente ipotizzare un regresso per l’intero.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Internal relations between debtor and auxiliary pursuant to art. 1228: an appropriate tuning (with many lights and some shadows)
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)345-351
Numero di pagine7
RivistaLA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Responsabilità medica
  • Responsabilità dell'ausiliario
  • Regresso

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'I rapporti interni tra debitore ed ausiliario ex art. 1228: una opportuna messa a punto (con molte luci e qualche ombra)'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo