I manoscritti galileiani della Biblioteca Ambrosiana

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]La Biblioteca Ambrosiana si distingue nel panorama delle raccolte storiche italiane anche per la felice coincidenza tra la storia della sua fondazione e la storia della prima diffusione della nuova scienza copernicana. È così che entro uno dei suoi principali nuclei librari, quello legato al nome di Giovan Vincenzo Pinelli, si trovano preziosi manoscritti di interesse scientifico. Affidati da Galileo alla dimora padovana dell’illustre mecenate, entro il 1609 alcuni significativi scritti (ad es. il Compasso geometrico o il Trattato delle fortificazioni) transitarono nella raccolta di Federico Borromeo, a sua volta appassionato di astronomia e interlocutore di scienziati.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The Galilean manuscripts of the Ambrosian Library
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteNell'età di Galileo. Milano, l'Ambrosiana e la nuova scienza
EditorE Bellini, A Rocca
Pagine169-188
Numero di pagine20
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • Biblioteca Ambrosiana
  • Galileo Galilei

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'I manoscritti galileiani della Biblioteca Ambrosiana'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo