I limiti giurisprudenziali allo ius variandi ex art. 1453, comma 2, c.c. e il problema dell'ammissibilità della domanda restitutoria tardiva

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Nella cornice dell'evoluzione giurisprudenziale in tema di ius variandi da adempimento a risoluzione, ex art. 1453, 2° comma, c.c., l'analisi offre riflessioni sulla limitazione, che la giurisprudenza ha lungamente imposto - e, ancora, in parte impone - all'introduzione di nuovi fatti a supporto delle nuove domande consentite. In particolare, poi, muovendo da un caso di specie di domanda restitutoria tardiva, l'Autrice si sofferma a considerare i rapporti tra azione di risoluzione e di restituzione, onde vagliare la possibilità che una pretesa restitutoria sia accoglibile dal giudice pur in assenza di contraddittorio.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The jurisprudential limits to ius variandi ex art. 1453, paragraph 2, of the Italian Civil Code and the problem of the admissibility of the late restitution request
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteI nuovi orientamenti della Cassazione civile
EditorC. Granelli
Pagine342-356
Numero di pagine15
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • ius variandi
  • restituzione
  • risarcimento
  • risoluzione

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'I limiti giurisprudenziali allo ius variandi ex art. 1453, comma 2, c.c. e il problema dell'ammissibilità della domanda restitutoria tardiva'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo