I "lacci e gli sbadigli": Pascoli, Martini, Giolitti, e l'insegnamento di latino e greco nell'Ottocento italiano

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

2 Citazioni (Scopus)

Abstract

[Ita:]Nel 1893, prima di diventare professore universitario, Giovanni Pascoli, nominato presidente di un Comitato per l'esame dell'insegnamento del latino nelle scuole italiane, esprime il suo disagio nei confronti del fallimentare eccesso di erudizione nell'insegnamento. Il saggio esamina il contrasto tra queste metodologie, di origine tedesca, e quelle tradizionali italiane, soprattutto nelle scuole cattoliche del Centro Italia. Queste tematiche ritornano in una lettera di molti anni dopo di Giovanni Giolitti, che al tempo dell'inchiesta commissionata da Ferdinando Martini era presidente del consiglio.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] The "laces and yawns": Pascoli, Martini, Giolitti, and the teaching of Latin and Greek in the Italian nineteenth century
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)889-904
Numero di pagine16
RivistaAEVUM
Volume2010
Stato di pubblicazionePubblicato - 2010

Keywords

  • DIDATTICA DELLE LINGUE CLASSICHE
  • GRECO
  • GREEK
  • HISTORY OF ITALIAN CULTURE
  • LATIN
  • LATINO
  • STORIA DELLA CULTURA ITALIANA
  • TEACHING OF CLASSICAL LANGUAGES

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'I "lacci e gli sbadigli": Pascoli, Martini, Giolitti, e l'insegnamento di latino e greco nell'Ottocento italiano'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo