I crimini “organizzativi” degli studi legali e la responsabilità ai sensi del d.lgs n. 231 del 2001

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]L’articolo affronta il tema dell’applicabilità del d.lgs. n. 231 del 2001 agli studi legali prendendo le mosse dalla questione politico-criminale degli illeciti penali commessi dagli avvocati che operano in strutture organizzate. La ricerca analizza quindi i fattori genetici dei comportamenti devianti negli studi legali, giovandosi degli strumenti concettuali della criminologia dei corporate crimes, e si interroga sull’opportunità di estendere agli studi legali un modello punitivo che coinvolga anche l’organizzazione nella prevenzione dell’illecito.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "Organizational" crimes by law firms and liability pursuant to Legislative Decree no. 231 of 2001
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)46-54
Numero di pagine9
RivistaIL CORRIERE GIURIDICO
Volume2014
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • criminalità d'impresa
  • studi legali

Fingerprint

Entra nei temi di ricerca di 'I crimini “organizzativi” degli studi legali e la responsabilità ai sensi del d.lgs n. 231 del 2001'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo