Homo debilis in civitate. Infermità fisiche e mentali nello spettro della legislazione statutaria dei comuni cittadini italiani

Pietro Maria Silanos

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Nel corso del bassomedioevo i comuni cittadini italiani tentarono di disciplinare da un punto di vista giuridico il problema della disabilità. Il paper tenta un primo approccio a tale questione a partire dall'analisi dei testi statutari di alcuni comuni dell'Italia centro-settentrionale dei secoli XIII-XV. Dall'analisi comparata di tali fonti emerge quanto le autorità cittadine abbiamo tentato di affrontare il problema sociale dell'infermità/disabilità seguendo strategie sia inclusive sia esclusive al fine di realizzare quell’unica tensione all’ordine che costituì uno dei motori principali della convivenza civica bassomedievale.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Homo debilis in civitate. Physical and mental illness in the spectrum of the statutory legislation of ordinary Italian citizens
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteDeformità fisica e identità della persona tra Medioevo ed Età moderna.
Pagine31-91
Numero di pagine61
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015
EventoAtti del XIV Convegno di studi organizzato dal Centro di studi sulla civiltà del tardo medioevo - San Miniato
Durata: 21 set 201223 set 2012

Serie di pubblicazioni

NomeCollana di Studi e Ricerche

Convegno

ConvegnoAtti del XIV Convegno di studi organizzato dal Centro di studi sulla civiltà del tardo medioevo
CittàSan Miniato
Periodo21/9/1223/9/12

Keywords

  • Italian communes
  • comuni italiani
  • diritto medievale
  • disability history
  • medieval law
  • politiche sociali
  • social policies
  • storia della disability

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Homo debilis in civitate. Infermità fisiche e mentali nello spettro della legislazione statutaria dei comuni cittadini italiani'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo