Abstract

[Ita:]Per le loro caratteristiche istituzionali, gli enti ecclesiastici svolgono tradizionalmente numerose attività di interesse generale regolate dalla riforma del Terzo settore. Nel contempo, gli accordi intervenuti tra lo Stato e le singole confessioni religiose vincolano l’applicazione della disciplina italiana al rispetto della struttura e della finalità di tali enti. La riforma ha, pertanto, previsto alcune norme particolari, che consentono agli enti ecclesiastici di beneficiare del regime promozionale previsto per gli enti del Terzo settore nel ricorrere di determinate condizioni. Il presente lavoro illustra la disciplina di legge e discute, in particolare, due di tali condizioni: il regolamento, che gli enti ecclesiastici sono tenuti ad adottare per consentire, mediante un atto di autonomia privata, l’equiparazione funzionale con gli enti di Terzo settore; e il patrimonio destinato, che gli enti ecclesiastici debbono costituire per lo svolgimento delle attività regolate dalla riforma.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Ecclesiastical bodies and the law of the third sector
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePubblicato - 2020

Keywords

  • Enti ecclesiastici
  • riforma del Terzo settore

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Gli enti ecclesiastici e il diritto del Terzo settore'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo