Giovanni Battista Montini e l'Arte: le grandi premesse (1920-1925). Da Maritain agli artisti. Una mostra e le sue ragioni

Cecilia De Carli Sciume

Risultato della ricerca: Contributo in libroChapter

Abstract

[Ita:]Il saggio è il primo contributo di ricerca del volumePaolo VI e l’arte il coraggio della contemporaneità, nato in seno alla Collezione di arte contemporanea “Arte e Spiritualità” di Brescia e in collaborazione con la città che ha dato i natali a Giovanni Battista Montini, a cent’anni da quell’evento. A partire dalla Collezione, frutto dell’azione di un arcivescovo e poi di un papa che aveva rilanciato agli artisti contemporanei la sfida di una collaborazione non subordinata, lo studio si spinge a risalire alle origini di un tale pensiero per coglierne l’intelligenza, le linee di sviluppo,le connessioni, il cuore che lo ha mosso e le personalità che lo hanno innervato. La cultura artistica montiniana, già dagli anni Venti e per tutto il periodo fra le due guerre, epoca in cui s’incentra la nuova riflessione, avviene soprattutto in contatto con il lavoro culturale che Jacques e Raïssa Maritain conducono in questa direzione insieme a un gruppo d’intellettuali, per i quali,al di là di ogni scelta confessionale, viene messa a tema la natura dei legami fra le categorie dell’arte e della spiritualità, come più ampiamente l’accordo tra ragione e fede. Tali rapporti influiscono reciprocamente sia sulla teoria artistica che gli intellettuali come Maritain vanno elaborando, sia sull’autonomo operato degli artisti stessi. Lo studio, che ha usufruito dell’apertura di diversi archivi e delle corpose corrispondenze fra gli attori di questo intreccio complesso e ricchissimo, offre un patrimonio d’informazioni prezioso che permette di comprendere le conoscenze, lo svolgimento degli avvenimenti, le difficoltà, i dubbi, le speranzedi quel coté culturale, che impressiona per l’enorme lavoro svolto e il sostegno reciproco profuso. La scelta degli artisti presentati è volta a restituire l’origine di un discorso sull’arte e la sua personalizzazione in differenti percorsi. Il saggio fa riferimento anche a un’antologia di scritti pubblicati in appendice dei diversi attori di questa interlocuzione, alcuni inediti e per la prima volta tradotti.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Giovanni Battista Montini and Art: the great premises (1920-1925). From Maritain to the artists. An exhibition and its reasons
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospitePaolo VI e l'arte. Il coraggio della contemporaneità. Da Maritain a Rouault, Severini, Chagall
EditorCECILIA DE CARLI SCIUME'
Pagine13-31
Numero di pagine19
Stato di pubblicazionePubblicato - 1997

Keywords

  • Giovanni Battista Montini
  • Maritain
  • art
  • arte
  • exposition
  • mostra

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Giovanni Battista Montini e l'Arte: le grandi premesse (1920-1925). Da Maritain agli artisti. Una mostra e le sue ragioni'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo