Giocare sul serio. Il paradigma ludico tra processo e diritto sostanziale.

Rosa Maria Palavera

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Il tema del “processo come gioco” è affrontato nell’ambito del più ampio paradigma ludico del diritto. In relazione a entrambi i contesti, sono valutate alcune intersezioni tematiche comuni, quali la relazione tra apprendimento e socialità, il parallelo con la tenzone e la guerra, le derive patologiche dell’azzardo, il ruolo della fisicità e della comunicazione non verbale, la derivazione sacra e la dimensione rituale, il rapporto con la verità come presupposto della giustizia. È evidenziato come ogni metafora giuridica racchiuda un potenziale di “apertura al possibile”, ma anche un rischio di confondimenti e di riduzionismo. In particolare, sono rilevate criticità circa l’idea del gioco come attività improduttiva e indifferente alla verità. Nondimeno, le implicazioni del paradigma ludico sono valutate come molteplici e stimolanti, soprattutto con riferimento alla sua capacità di descrizione del processo e del diritto nelle diverse possibili declinazioni relazionali e nelle loro potenzialità evolutive, in parte ancora inesplorate.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Play seriously. The playful paradigm between trial and substantive law.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)457-482
Numero di pagine26
RivistaJUS
VolumeLXIV
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • criminal justice
  • diritto come gioco
  • game analogy
  • giustizia penale
  • judicial reasoning
  • law as a game
  • paradigma ludico
  • processo come gioco
  • ragionamento giudiziale
  • trial as a game
  • truth
  • verità

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Giocare sul serio. Il paradigma ludico tra processo e diritto sostanziale.'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo