Frederik Sjöberg, Il naturalista Frederik Sjöberg alla ricerca di una scrittura senza approdi definiti

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivista

Abstract

[Ita:]Famoso scrittore e naturalista, giornalista, già collaboratore e traduttore dell’Al Gore ambientalista, dal 2009 Sjöberg è ufficialmente anche artista e performer: la 53. Biennale veneziana ha voluto infatti esporre la sua corposa collezione di sirfidi – mosche – realizzata in lunghi anni di appassionate ricerche sull’isola di Runmarö, nell’arcipelago di Stoccolma. Queste ricerche hanno valso, tra l’altro, al loro autore anche l’Ig-Nobel, premio che l’università di Harvard conferisce agli studi scientifici più bizzarri e originali. Ai sirfidi Sjöberg ha dedicato anche il suo primo libro di successo, Flugfällan, uscito in Svezia nel 2004 e ora tradotto in quattordici lingue. Insieme a L’arte della fuga, in uscita a breve anche in Italia sempre per Iperborea, i due agili volumetti costituiscono un insolito e gustoso “ritratto dell’entomologo da giovane”, un’autobiografia intessuta come una preziosa silloge di curiosi aneddoti storico-scientifici che spaziano dalla dimensione universale a quella personale dell’autore stesso o di naturalisti rigorosamente scandinavi più o meno noti del calibro di Linneo, René Malaise e Gustaf Eisen
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Frederik Sjöberg, The naturalist Frederik Sjöberg in search of a writing without defined landing places
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)3-3
Numero di pagine1
RivistaIL MANIFESTO
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017

Keywords

  • narrazione
  • ricerca
  • storia naturale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Frederik Sjöberg, Il naturalista Frederik Sjöberg alla ricerca di una scrittura senza approdi definiti'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo