Festa errante

Risultato della ricerca: Contributo in rivistaArticolo in rivistapeer review

Abstract

[Ita:]Nel XXI secolo la festa è stata intesa in diverse modalità, polarizzate intorno alle posizioni di Frazer e di Freud. Entrambi hanno enfatizzato le caratteristiche di sospensione della quotidianità, marginalità e trasgressione che pertengono alla festa. Nel corso del tempo queste nozioni sono state declinate e unificate nell’idea di festa come appagamento di un (qui non specificabile) desiderio. Questa visione è stata opposta a una prospettiva che invece si focalizza sul ruolo sacrificale che accompagna ogni festa dall’inizio alla fine. Il saggio si concentra su due aspetti tipici della festa: 1) i partecipanti adattano i loro comportamenti a 2) ciò che accade. L’analisi dei comportamenti dei partecipanti e della festa come evento supporta l’ipotesi qui avanzata: l’evento, infatti, introduce un’interruzione nella quotidianità e i partecipanti sperimentano un eccesso di senso come manifestazione di un tempo originario e di uno spazio sacro. Ciò che è rivelato nella sacralità dell’inizio è anche la necessità del sacrificio. Una tale necessità è determinata da un radicale bisogno di consolazione e dall’esperienza della contraddizione, che segue un’eterogenesi dei fini o una disteleologia. Nell’esempio che è qui proposto, i partecipanti alla festa diventano vittime sacrificali di attori inaspettati che sono a loro volta erranti e per caso.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Wandering party
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)393-401
Numero di pagine9
RivistaSPAZIO FILOSOFICO
Volume5
Stato di pubblicazionePubblicato - 2015

Keywords

  • Event
  • Evento
  • Feast
  • Festa

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Festa errante'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo