«Fatti per arte parlanti». Don Giulio Tarra e l’educazione dei sordomuti nella seconda metà dell’Ottocento

Risultato della ricerca: LibroBook

Abstract

[Ita:]A 160 anni dalla fondazione del Pio Istituto sordomuti poveri di campagna di Milano, il libro ricostruisce la vita e le opere del suo primo direttore, il sacerdote Giulio Tarra (1832-1889). Educatore, maestro e letterato, egli dedicò la sua esistenza ai sordomuti, curando la formazione dei bambini e dei ragazzi accolti presso il Pio Istituto. Alla guida di questo Ente dall’ordinazione sacerdotale (1855) fino alla morte, Tarra profuse energie per promuovere una solida maturazione personale, culturale e sociale degli allievi. Il suo contributo, inoltre, si estese anche al di fuori del Pio Istituto: egli fu protagonista, difatti, del dibattito scientifico internazionale sui metodi d’istruzione dei sordomuti, difendendo strenuamente il sistema orale, che considerava il più efficace canale di inclusione sociale del giovane non udente. Attraverso l’utilizzo di fonti sia edite sia archivistiche, il volume ripercorre il lavoro di don Tarra nella realtà del sordomutismo, mettendo in particolar luce il suo apporto nel campo della pedagogia speciale italiana ed europea.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] "Made for talking art." Don Giulio Tarra and the education of deaf-mutes in the second half of the nineteenth century
Lingua originaleItalian
EditoreEDUCatt
Numero di pagine102
ISBN (stampa)978-88-6780-699-7
Stato di pubblicazionePubblicato - 2014

Keywords

  • Deaf-dumbness
  • History of special education
  • Italia
  • Italy
  • Sordomuti
  • Storia dell'educazione speciale
  • XIX century
  • XIX secolo

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di '«Fatti per arte parlanti». Don Giulio Tarra e l’educazione dei sordomuti nella seconda metà dell’Ottocento'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo