Essere in due è meglio di uno: Il supporto coniugale nella malattia cardiaca

Risultato della ricerca: Contributo in libroContributo a convegno

Abstract

[Ita:]Introduzione. La malattia cardiaca acuta coinvolge non solo il paziente, ma anche le sue relazioni, tra le quali la relazione di coppia assume un ruolo cruciale(Bertoni, Donato, Graffigna, Barello, & Parise, 2015; Bodenmann, 2000). La letteratura scientifica dedica però ancora un'attenzione limitata all'aspetto relazionale: sono pochi gli studi che intervistano i partner ed esaminano il legame tra malattia e coppia, sia in termini di ricadute su essa, sia nel considerare la relazione coniugale come possibile fattore interveniente nella cura (Vilchinsky et al., 2011).Questa ricerca indaga:1)se appartenere ad una relazione di coppia ha delle ricadute sul benessere del paziente; 2)quali effetti hanno diverse forme di supporto del partner (iperprotezione, supporto ostile, supporto al patient engagement) sul benessere del paziente e sul suo engagement nel processo di cura. Metodo. La ricerca ha coinvolto 252 pazienti e 152 partner durante il ricovero in ospedale(T0) e circa 8-10 mesi dopo(T1).È stato somministrato un questionario self-report volto a indagare diversi costrutti tra cui il benessere psico-fisico del paziente in termini di ansia, depressione e disturbi somatici, il patient engagement (PE) e diverse forme di supporto coniugale. Risultati. I risultati rivelano che lo stato civile del paziente non predice il PE. Il tipo di supporto fornito dal partner, se si esprime attraverso l’iperprotezione, aumenta la somatizzazione del paziente e diminuisce il PE, mentre se assume la forma di supporto ostile predice un incremento di sintomi depressivi.Conclusioni:I risultati dimostrano come il partner giochi un ruolo cruciale nel processo di cura a seguito di un evento cardiaco acuto.Non sempre la sua azione produce effetti positivi: se il partner è iperprotettivo o ostile il paziente mostra un incremento dei sintomi. L'assenza di differenze in termini di benessere tra pazienti in coppia o meno fa ipotizzare che non sia tanto la presenza di un legame quanto la qualità di questo a proteggere il paziente nel suo percorso di cura.
Titolo tradotto del contributo[Autom. eng. transl.] Being in two is better than one: marital support in heart disease
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLa Psicologia come Scienza della Salute
Pagine118
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePubblicato - 2017
EventoCongresso Nazionale Associazione S.I.P.S.A Società Italiana Psicologia della Salute. La psicologia come Scienza della salute - Firenze
Durata: 3 nov 20175 nov 2017

Convegno

ConvegnoCongresso Nazionale Associazione S.I.P.S.A Società Italiana Psicologia della Salute. La psicologia come Scienza della salute
CittàFirenze
Periodo3/11/175/11/17

Keywords

  • Patient Activation
  • Supporto Coniugale

Fingerprint Entra nei temi di ricerca di 'Essere in due è meglio di uno: Il supporto coniugale nella malattia cardiaca'. Insieme formano una fingerprint unica.

Cita questo